IL GESTO IMMOBILE. A cura di Rita Guidi

Un senso d’attesa irrisolta. Il movimento immobile, indizio di qualcosa che non accadrà. Il tempo non scorre, nelle sale della Fondazione Magnani Rocca, improvvisamente abitata da solidità affascinanti e nuove. Giacomo Manzù e Marino Marini sono infatti i protagonisti di una preziosa esposizione tutta da scoprire – dal 13 settembre all’ 8 dicembre – accanto ai capolavori di sempre (Canova, Bartolini…).Una serie di opere ‘grandi’ di due autori raccontati negli anni che li vedevano già acclamati artisti internazionali. Non che le tele (le fotografie addirittura) siano meno affascinanti: dipingono la stessa cifra d’autore, disperdendo nel colore quello che il bronzo fissa con magica forza. 
Manzu’ si impone con fluide forme plastiche. Imponenti e curve, interpretano ritratti (lo straordinario e celebre Grande ritratto di signora), diventano segni/simboli (l’inconfondibile volume dei suoi cardinali) , fino a perdersi – inattese – in nature morte. Marino fonde lo slancio di infiniti cavalieri che scolpiscono l’aria. Cavallo e uomo insieme. Archetipo eterno, fusione estrema. Leggeri e dinamici, come le efebiche ballerine. Eppure, di nuovo, qualcosa di immobile. Come un gesto di sempre; istantanea di un Novecento che spezza anche la logica di ogni gravità.
Rita Guidi
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

PARMA MAGAZINE

Cultura, Personaggi, Arte, Curiosità e Turismo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: